Search
Close this search box.

Le Sfide dell’Economia Circolare in ambito Agroalimentare

Le sfide dell’economia circolare in ambito agroalimentare: 
gli scarti di oggi diventano le risorse di domani

Incontro Mercoledì 13 settembre, dalle ore 9 alle ore 16
Università degli Studi di Milano, via Celoria 2

A un anno dalla costituzione del Centro Nazionale Agritech, nato nell’ambito del PNRR, un bilancio delle attività realizzate, dei progetti futuri e delle opportunità da cogliere nell’ambito dell’economia circolare in campo agroalimentare. Al termine della giornata, la presentazione di Open Call dedicate all’industria del settore: un’occasione di incontro tra la ricerca e l’industria per lo sviluppo di soluzioni condivise.

Milano, 11 settembre 2023 – Si terrà a Milano, il 13 settembre, presso la sede della Statale di Milano in via Celoria 2, l’incontro “Le Sfide dell’Economia Circolare in ambito Agroalimentare”, una giornata promossa dal Centro Nazionale Agritech, il progetto di ricerca finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU (PNRR) che promuove lo sviluppo di tecnologie innovative nel settore agricolo, a un anno dalla sua costituzione. Al centro del convegno, l’economia circolare in ambito agroalimentare, le cui ricerche sono coordinate dall’Università degli Studi di Milano all’interno dello Spoke 8.

L’economia circolare ha infatti un’importanza strategica, tanto da essere definita come il nuovo paradigma di sviluppo economico, in contrapposizione al tradizionale modello di economia lineare e aperta del secolo scorso. Nella circular economy gli scarti di oggi sono le risorse di domani e la sfida attuale è quindi rendere competitiva la circolarità, considerando i rifiuti e i sottoprodotti come materia di valore e non più come puro e semplice scarto, estendendone quindi il ciclo di vita della materia prima, e riducendo considerevolmente l’impatto produttivo.

La giornata si propone quindi come un momento di aggiornamento sui risultati ottenuti e delle sfide che l’industria e l’università possono affrontare assieme in una logica di collaborazione: “In questo modo – afferma Gian Battista Bischetti, Direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali DiSAA e coordinatore dello Spoke 8 – vogliamo anche favorire il dialogo tra fruitori finali e protagonisti della ricerca, in modo da incentivare il dialogo e l’interazione tra progetto e produzione, facilitando sinergie tra gli attori della filiera. Credo sia il modo migliore per guidare, e non subire, l’inevitabile transizione verso un’economia verde”.

Sono quattro le tematiche di confronto: la prima si focalizza sulla produzione di nuovi prodotti al fine di aumentare il valore dei rifiuti Producing new products to upgrade waste value”, il cui scopo è quello di sviluppare nuove tecnologie per ottenere biomolecole o polimeri per valorizzare al massimo le componenti biologiche dei rifiuti organici grazie ad applicazioni tecniche innovative, reimmettendo quindi gli scarti in circolo e attribuendo loro un nuovo ruolo nell’economia.

Può interessarti anche